Come Un Libro Aperto

Come Un Libro Aperto

Sono diversi i campanelli d'allarme con cui il nostro corpo ci fa capire che qualcosa non sta funzionando come dovrebbe. L'interpretazione di questi segnali spetta al medico, ma va detto che l'estetista li incontra spesso nella sua quotidianità lavorativa, e spesso ha imparato a riconoscerli già durante la scuola di specializzazione.

Tra le zone del corpo maggiormente trattate in istituto troviamo, oltre alle unghie che meritano un discorso a parte, viso, collo e décolleté: è proprio qui che possono manifestarsi molti di questi famosi campanelli d’allarme. Qualche esempio?

La pelle secca e desquamata è spesso una condizione ereditaria, ma quando le condizioni ambientali (come il freddo) portano a una minore produzione di sebo cutaneo, la situazione peggiora in modo evidente. Tra le possibili cause troviamo patologie cutanee come neurodermite, psoriasi o ittiosi, oppure micosi della pelle. Chiaramente, solo il dermatologo può formulare una diagnosi sicura e affidabile. Per quanto riguarda il trattamento in istituto, prediligi prodotti contenenti calcio, che migliora la produzione di grasso cutaneo, o a base di ceramidi dermoaffini, che aiutano a riparare la barriera cutanea. La cliente, poi, dovrebbe fare la sua parte a casa inserendo questi prodotti nella sua beauty routine quotidiana. Molte clienti pensano che, per levigare e ammorbidire una pelle squamosa, sia necessario sottoporsi a numerosi peeling. Niente di più sbagliato! Esfoliare continuamente la pelle altro non fa che indebolire ancora di più una barriera cutanea già compromessa e, in alcuni casi, rischia addirittura di rendere la pelle ancora più secca.

Un altro segnale che è possibile "leggere" sul corpo della cliente sono i nei. Come ci insegnano alla scuola di estetica, i nei - anche quelli di vecchia data - posso mutare nel tempo e, nel peggiore dei casi, degenerare trasformandosi in un tumore maligno: il melanoma. Per questo, è sempre bene consigliare alla cliente di rivolgersi a un medico quando noti sul suo corpo un neo dalla forma anomala, in modo da fugare ogni possibile dubbio. Se disponi di un’apparecchiatura per l’analisi elettronica della pelle, puoi servirtene per osservare le eventuali trasformazioni dei nei e, se necessario, documentarli: potrai, così, riconoscere eventuali anomalie prima ancora che la cliente se ne accorga. Tieni d’occhio anche la colorazione della pelle sotto le unghie e, se noti delle anomalie, invita caldamente la cliente a rivolgersi ad un dermatologo.

Leggi l'articolo completo a pagina 14 di Beauty Forum.

Tags: Beauty & Care